Internazionale a Ferrara #6: Il Tibet prega per la Cina

13 11 08 by

Un difficile dialogo, quello tra lo scrittore cinese Yu Hua e il lama tibetano Ghesce Tenzin Tenphel, dal nome “Asia. Il Tibet prega per la Cina“. Un incontro moderato da Liliana Cardile di Internazionale nella magica atmosfera della Sala Borsa di Ferrara, con l’installazione “Vittime” realizzata dalla redazione di Colors Magazine a fare da sfondo. Come omaggio in onore dell’amico cinese, il lama ha aperto l’incontro “Asia. Il Tibet prega per la Cina” con un dono, la tradizionale sciarpa bianca in segno di rispetto e solidarietà, avvolta al collo di Hua come una speranza. Un momento di intensa commozione per gli spettatori, che erano accorsi fino a lì da tutta Italia per vedersi compiere il miracolo della pace. Una speranza presto delusa dalla realtà, in cui il popolo tibetano continua a gridare in silenzio,...

read more

Regime olimpionico: giochi blindati nel Paese della censura

8 08 08 by

Oggi – alle 14.00 ora italiana, alle 20.00 ora cinese – si è tenuta la cerimonia inaugurale dei giochi olimpici. Altri Occhi non può restare imparziale davanti ad un dibattito importante come quello delle Olimpiadi in Cina, ma credo che in questo caso – opinionismo a parte – non ci sia niente di meglio dei fatti nudi e crudi: fatti che, come vedrete, non hanno bisogno di commenti. I fautori del regime, i cinesi che lo supportano e tutti coloro che traggono vantaggi dal sostenerlo, sono finalmente giunti ad ottenere ciò che aspettano da anni, lo spettacolo più grande e più remunerativo del mondo, Beijing 2008. Ma la questione non è così semplice come può sembrare guardando i classici tg nostrani, che fanno di ogni cosa un battibecco partitico continuo. La Cina deve fare...

read more

Giocare con i diritti di un popolo

8 04 08 by

Sul numero 736 di Internazionale, della settimana dal 21 al 27 marzo, è stato pubblicato l’articolo di John Miles – il corrispondente dell’Economist da Lhasa, capitale del Tibet – sulla rivolta tibetana contro il “genocidio culturale” del governo cinese. In un momento come questo, in cui le celebrazioni per l’apertura delle Olimpiadi di Pechino vengono boicottate in tutto il mondo, è il minimo che io ne pubblichi una parte, per sottolineare l’ingiustizia di questa repressione. […] Di fronte al tempio Jokhang sono parcheggiati due mezzi corazzati. Sul primo c’è scritto a caratteri cubitali cinesi: “Stabilità è felicità”. Sul secondo: “Il separatismo è una catastrofe”. La strada intorno al tempio, di solito affollata di pellegrini che girano le loro ruote della preghiera e bisbigliano orazioni, è quasi vuota. Chi cercava di percorrerla come prevede il...

read more

Il Tibet in bianco e nero

31 03 08 by

Dal 5 al 23 aprile sarà possibile visitare gratuitamente (in via del Pigneto 25 a Roma) la mostra “La terra del cielo. Comunità tibetane in Sichuan, Cina“, il reportage in bianco e nero di Simone Carolei. Di seguito la descrizione dell’evento [via FotografiaFestival]. Vaste praterie a oltre 4000 metri di quota circondate da vette innevate e paesaggi mozzafiato sotto un cielo che incombe. Pastori nomadi tibetani che vivono nelle loro tende nere e allevano yak seguendo il ciclo delle stagoni. Maestosi monasteri, ruote di preghiera e giovani monaci. Litang, al confine col Tibet, Langmusi, a cavallo del confine con il Gansù: due villaggi del Sichuan dove si perpetuano rituali antichissimi e i segni della modernità sono ben pochi. La dura vita quotidiana in un ambiente ostile si rivela nelle fiere facce segnate dal lavoro...

read more