Disinvesto

17 10 12 by

 

disinvesto
da morti fiacche e fiati corti, stemmi
di mediocrità alienante costante: l’occhiaia
diligente, il serpente
senza denti; da
scorci pieghe traverse scorciatoie
piattume e pattumiere, sfere
opache e visi assenti
stenti scontenti
disinvesto
da queste mani chiuse e prive
di desiderio, lisce frigide refrattarie
al sole, alla pioggia – vili
davanti al sangue e alla parola.
disinvesto
da ogni speculazione inerte
eiaculazione indenne, da ogni
soldo bucato, sogno insperato
trofeo esibito
inibito sciocco, balocco trasandato
disinvesto
da ogni distanza di sicurezza
demoralizzante sonnolenza, pezza
alle voragini del cuore
disinvesto
da ogni accurato riposo del respiro
da ogni etichetta taglia unità merito
dal mercato obbligazionario della noia
e del sospetto. disinvesto
da tutto ciò che umilia questa luce
da tutto ciò che soffia sul mio fuoco, da chi
non si allena per l’a-morte, disinvesto
prevedo sul lungo periodo e disinvesto
recupero i miei liquidi
caldi
e disinvesto
da voi risparmiatori:
vampira, nutro
gli affamati soltanto.

  

fuoco poesia

 

Related Posts

Tags

Share This

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *