Un blues veloce: Parigi tra buio e luce

5 07 11 by

[Foto e testo della romantica fotoreporter Marta Facchini da Parigi]

  

  

Appena usciti fuori dal pozzo della metro il respiro si fa affannoso, ma non per colpa degli ultimi scalini saliti con sforzo: è lo squarcio del cielo che ferisce gli occhi dopo l’ombra, sono i rumori frenetici della vita di superficie che fanno accelerare il battito.
Il primo incontro che apre a Parigi è proprio questo, il contrasto tra il buio delle viscere e la luce. Il giorno comincia appena in cima ai gradini, quando i suoni della città, i suoi odori, il caos dei marciapiedi tirano uno schiaffo in pieno volto. All’improvviso si è catturati dal flusso dei passanti, dalle vene aperte delle strade. Si diventa parte di un ritmo frenetico, di un movimento che prende velocità. Lasciato alle spalle il solipsismo della metro e il suo lento solfeggio, Parigi si fa conoscere nel suo continuo brulichio; è un blues veloce, un jazz che respira con la stessa cadenza dei passi dei suoi abitanti e che spinge all’interno di uno spartito ogni loro storia.
Mentre cammini per le sue strade, Parigi ti avvolge in un abbraccio di luce, di musica, di espressione.

  

  

 

Related Posts

Tags

Share This

1 Comment

  1. Parigi: Fantastica!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *