Internazionale a Ferrara #8: la donna italiana nella tradizione

17 12 08 by

C’è stato un altro modo, al Festival di Internazionale a Ferrara, di celebrare il reportage. Un modo piuttosto nuovo, che il grande Marco Paolini ha reso più comprensibile ai nostri occhi con il suo “Teatro civico”, che ha raggiunto le masse grazie ai Monologhi per Report.

E’ con il grande contributo della recitazione, infatti, che il gruppo teatrale “Le Pagine” ha dato qualcosa in più alla scoperta della società italiana. Con la rappresentazione “Di voce in voce” gli spettatori del Festival hanno percorso la condizione sociale e culturale della donna italiana dai primi del Novecento ad oggi, ma ascoltando, guardando ed emozionandosi.

Un secolo raccontato attraverso le più intime confessioni di ogni italiana, dalla bambina – interpretata da una bravissima ragazzina – che ha perso i valori per strada, all’anziana dal cuore buono, eterna custode di filastrocche e ritornelli, passando per la donna, così femminile e intelligente, emotiva, ambiziosa. Che nel passato ha dovuto rinunciare ai suoi sogni per stare con la famiglia, coltivare i campi, lavorare nelle botteghe, e che poi a un tratto si è svegliata, toccata dal desiderio irrefrenabile di andare, di vedere, di realizzarsi, e che per questo ha pagato il prezzo della solitudine.

Una bambina, cinque attrici eccezionali e quattro signore anziane, le donnine di Ferrara, che hanno ripercorso la storia sociale d’Italia attraverso i canti tradizionali delle loro giornate nei campi.
10 donne per 3 generazioni italiane, che hanno mantenuto gli spettatori attaccati sulle sedie, commossi, per circa due ore.

 

Related Posts

Tags

Share This

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *