Altri Occhi Estate: reportage e consigli di viaggio #1: Parigi

26 08 08 by

C’è un luogo, a Parigi, dove l’arte non è in vetrina ma all’interno di una fabbrica abbandonata; un luogo che non si chiama Museo bensì Sito di creazione contemporanea, che dà all’ambiente la connotazione di uno “spazio vivente”. E’ il Palais de Tokyo, il laboratorio sperimentale creato all’interno del Museo Nazionale d’Arte Moderna, che ospita installazioni, performances, proiezioni video, concerti live, ma anche dibattiti con artisti, stages e workshop, oltre alla enorme libertà di movimento al suo interno.

Organizzato su diversi piani ed aperto fino a mezzanotte, quest’ala del Museo – inaugurata nel lontano 1937 – rende l’arte un gioco accessibile a tutti, essendo, contemporaneamente ad un Museo-laboratorio, anche una libreria, una boutique, un ristorante: un utopistico luogo in cui l’arte esce dalla sua campana di vetro per diventare una delle attrazioni delle notti parigine, al pari di cinema, bar e teatri.

Ed è proprio la struttura industriale di questo palazzo a creare quell’atmosfera di perenne creazione, come fosse il cantiere di un edificio mai terminato: all’interno vi sono i muri grezzi, il pavimento in cemento, grandi vetrate.
Da non perdere lo straordinario salone dedicato all’arte contemporanea africana.

Info utili:
Palais de Tokyo
13, Avenue du President Wilson, 75116 Parigi
Tel. 00331-47235401
www.palaisdetokyo.com
Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 24 (lunedì escluso)
ingresso 5€ – studenti 3€
Possibilità di visite guidate in tutte le lingue

Related Posts

Tags

Share This

4 Comments

  1. Ennesimo motivo per tornare a Parigi ! 🙂

  2. Esattamente! 🙂

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *