Cavalcare agli antipodi

27 04 08 by

Nella prima fotografia, di Gordon Wiltsie, dei mandriani guidano i cavalli per il ritorno a Darhad Valley, in Mongolia, dopo lo svernamento nell’altro lato delle montagne, a più di tremila metri di altezza. Queste popolazioni hanno vissuto spostandosi tra le montagne per generazioni, ma il governo si sta impegnando per trasferire le popolazioni nomadi in centri urbani più stabili. Questo, purtroppo, significherà la fine di questi viaggi che si ripetono due volte all’anno. E’ davvero un peccato che tutto questo si perda, e che si perda il piacere dell’uomo nell’ammirare quei colori, ascoltare quei suoni, sentire quei profumi, nella natura. Qualcosa che noi “occidentali civilizzati” abbiamo già perso da tempo.



Nella seconda fotografia, invece, di William Albert Allard, un uomo si esibisce in un rodeo, completando il giro di introduzione in un’arena di fango a Tucson, in
Arizona. Il Rodeo è l’evoluzione delle più pericolose tecniche degli antichi cowboy, che le usavano per domare i cavalli e catturare o marchiare i bovini. Durante questi spettacoli si cavalca in piedi sulla sella, al contrario, in gruppo, si prendono alla fune tori e vitelli. Uno dei tanti modi in cui l’uomo “gioca” con gli animali e con la storia, unendo allo spettacolo e all’esibizione il ricordo di ciò che si è stati in passato.


 

Related Posts

Tags

Share This

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *