Impazienti di avere giustizia

18 04 08 by

In agosto 2008 la Cina ospiterà per la prima volta i Giochi Olimpici. L’evento si prospetta meraviglioso, seguito da centinaia di milioni di persone in tutto il mondo.C’è però qualcosa su cui la Cina mantiene un riserbo assoluto: i più di 30 giornalisti che stanno scontando pene detentive nelle carceri del paese.Non sono detenuti per aver fatto qualcosa di sbagliato, ma per aver avuto il coraggio di comunicare al mondo verità che il governo cerca di nascondere.Tra quei giornalisti c’è Zhu Wanxiang, per esempio, che è stato condannato a dieci anni perchè il suo giornale ha osato pubblicare le proteste dei contadini contro le confische delle loro terre da parte del governo.C’è Li Yuanlong: passerà due anni in prigione per aver denunciato su internet le condizioni di vita della popolazione cinese.E infine c’è Shi Tao, condannato a dieci anni di carcere per aver informato i siti web stranieri di come le autorità cinesi vietarono ai media ogni commemorazione del quindicesimo anniversario del massacro di piazza Tienanmen.Almeno altri venti giornalisti sono in prigione per “crimini” come questi.

Ti lascia indifferente il fatto che le Olimpiadi abbiano luogo in un paese che imprigiona i propri giornalisti perchè colpevoli di dire la verità?

 

Related Posts

Tags

Share This

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *