Una settimana da curdo

28 03 08 by

Forse non sarebbe piaciuto molto, a Tiziano Terzani, sapere che il premio dedicato al suo lavoro è stato fatto vincere a Fabrizio Gatti. La mia impressione è che il signor Gatti non scriva reportage, ma servizi giornalistici romanzati. Premetto che c’è una forte, fortissima base di verità nei romanzi. Tuttavia, non per questo tutti i romanzi sono reportage. O meglio, credo che dentro alcuni grandi romanzi si possano trovare dei piccoli reportage, ma i due generi si differenziano da un piccolo dettaglio, che a ben guardare è enorme: il reportage è interamente, totalmente e assolutamente fondato su fatti realmente accaduti, personaggi realmente esistiti e luoghi realmente visitati personalmente dal reporter.

Il Premio Terzani, quest’anno, è stato assegnato all’autore del libro “Bilal. Il mio viaggio da infiltrato nel mercato dei nuovi schiavi”. E’ il percorso che Gatti stesso ha affrontato, da solo, lungo i tragitti degli immigrati, fingendo di essere uno di loro. Tanto di cappello, per un’impresa del genere. Ma io mi chiedo: e in tutto questo, con un uomo bianco che gira da solo per l’Africa, con tanti, tantissimi soldi – i viaggi e i pasti avrà dovuto pur pagarli – ed una fotocamera, nessuno si è accorto che fosse un giornalista?

[…] Il Mediterraneo stasera ha il respiro lento. Sotto il cielo senza luna, l’acqua non si vede. Si sente soltanto il suono, due o tre metri laggiù ai piedi della scogliera. Prima del salto, bisogna sincronizzarsi con il ritmo del mare. Entrare in acqua quando l’onda è più alta, sfruttare la risacca e allontanarsi subito dalle rocce. Uno. Due. Al tre il freddo già avvolge il corpo: da questo momento sono Bilal Ibrahim el Habib, nato il 9 settembre 1970 nel villaggio immaginario di Assalah, distretto di Aqrah, Kurdistan iracheno. Sugli scogli non sono rimaste tracce. Scarpe e calze sono state affondate con quattro sassi. […]

 

Related Posts

Tags

Share This

1 Comment

  1. Un pò di dubbio mi viene in effetti…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *