Il prezzo della democrazia

23 03 08 by

Ne abbiamo parlato riguardo gli operatori dell’informazione uccisi in Iraq, riguardo la verità censurata negli Usa, riguardo profughi iracheni e giornalisti embedded. Ma questo altissimo prezzo non è l’unico ad essere pagato per questa corsa cieca verso la democrazia che è la guerra degli Stati Uniti contro l’Iraq: ci sono delle vittime, in questa assurda diatriba che dura ormai cinque lunghi anni, che non vengono minimamente prese in considerazione, e dato il loro doloroso silenzio nessuno al mondo ne conosce l’esistenza.

Sono le vedove dei circa quattromila giovani soldati americani caduti in Iraq, rimaste sole con bambini da crescere e una vita da continuare, in un Paese che usa tutte le sue forze per nasconderle all’opinione pubblica, mantenendo pulita la faccia della guerra. Per la prima volta da quando ho aperto questo blog, scrivo di un reportage originariamente scritto in lingua inglese rigurado Killeen, la cittadina texana in cui vive la più grande “famiglia” di vedove di guerra. Si tratta del reportage “Un paese di vedove di guerra” di Stephen Fried, giornalista d’inchiesta e saggista statunitense. Ve ne traduco una parte della prima pagina – in tutto sono undici.

[…] Sono partito per Killeen per incontrare queste donne prima del quinto anniversario dell’Operazione Libertà in Iraq, perchè offrono una prospettiva unica riguardo la guerra ed i suoi costi – un forte richiamo al fatto che, tra i dibattiti politici sull’Iraq, abbiamo pubblicamente onorato i caduti ma troppo spesso voltato le spalle alla devastazione delle famiglie dei soldati, specialmente le loro mogli e i bambini. Ma mentre ci sono vedove – a causa della guerra in Iraq – in tutto il Paese, Killeen ha un primato inusuale. Questa cittadina militare a due ore a sud da Dallas, ha visto il maggior esercito di mogli vedove di guerra rispetto a qualsiasi altro comune del Paese. […]

  

via [Il Messaggero]

 

Related Posts

Tags

Share This

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *