Reportage da Premio Nobel (2)

20 12 07 by

Come ho già detto, spesso gli scrittori sono dei reporter più o meno inconsapevoli, che tracciano nel mondo storie e testimonianze più forti di quanto non facciano i giornalisti.

[…] L’interno del paese è di una primitività più che medioevale, con strade strette e mal lastricate, viottoli, casupole di granito con scalette esterne, cortiletti, pergolati, porticine spalancate dalle quali s’intravedono cucine nere e interni poveri ma pittoreschi. Nuoro ha un Corso lastricato, chiese, caffè, ecc., ma ciò che può interessare è l’interno del paese, le casupole di pietra, nido o covo d’un popolo intelligente e frugale, che lavora e vive tutto l’anno di pane d’orzo, che crede in Dio e odia il prossimo per ogni più piccola offesa […]

  

da un articolo di Grazia Deledda sulla Nuova Antologia del 1901

 

Related Posts

Tags

Share This

1 Comment

  1. Pare strano,in realtà esistono ancora paesini del genere..certo non Nuoro..
    Belli i tuoi reportage..prometti bene ;D
    Buone Feste!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *