Su chelu a focu

27 07 07 by

L’orizzonte di Nuoro in fiamme, dal colle di Sant’Onofrio

  

Quattro giorni all’insegna delle fiamme per Nuoro e dintorni. Prato Sardo, Lollove, Oniferi, Orani, Mamoiada: nessun collegamento tra il capoluogo ed il circondario per ben due giorni, in cui molti centri abitati sono stati completamente evacuati dai vigili del fuoco.
Nuoro è rimasta completamente isolata ed il panorama da apocalisse la circondava da ogni lato, senza che da nessuna parte ci si potesse allontanare verso il mare.
L’aria era irrespirabile, sia durante il giorno che nella notte, quando gli unici due elicotteri disponibili continuavano la loro lotta alla don chisciotte contro le fiamme alte che vedevo anche dalla mia finestra.

Bestiame decimato; capannoni, case ed altri immobili, completamente o parzialmente distrutti.

Ora che il peggio è passato si contano i danni.
Diecimila ettari in fumo, di cui circa duemila di boschi.
Che strazio.
E c’è stata anche tanta, tanta paura.

Related Posts

Tags

Share This

2 Comments

  1. Che tristezza…

  2. hai proprio ragione 🙁

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *