Riportare dal passato

9 07 07 by

[…] Posada c’è sempre, è visibile da ogni punto, come la Luna di sera. Da qui risulta enorme e imponente, favolosa di storie antiche, muta. Mille lucine accese a catasta, sull’altura della Posada vecchia, attorno al Castello della Fava come seguaci attorno al re. La Posada nuova, quella non si vede se non entrandoci. Il passato ha la priorità sul presente, in questi luoghi. […] Ora Posada la bella si vede riflessa sull’acqua dello stagno, come un ritratto abbandonato tra gli alberi e che ogni tanto, col passar del vento, trema. […]

  


(dal racconto-reportage “La Cornice“)

 

Related Posts

Tags

Share This

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *