Il corpo femminile nelle ultime tribù

1 06 07 by

Le donne a confronto in due società molto diverse, eppure vicine. I testi sono di Luca Bergamin.
Tratto dal Dossier Tribù della rivista GEO – giugno 2006.

Isole Salomone – Oceania: i kwaio

  

[…] Organizzati in piccoli gruppi, i kwaio collocano il mondo degli uomini in una posizione intermedia tra il reame del sacro, dominato dagli antenati, e il mondo delle donne, il cui potere è pericoloso per gli uomini, poichè provvedono al sostentamento del gruppo. La separazione dei due sessi è totale: si mangia con stoviglie diverse, si parla e si dorme in posti separati. Le donne sono escluse dalle attività rituali, perchè il corpo femminile è contaminante in quanto urina, defeca, partorisce: una malattia, una disgrazia o la morte sono causati da una violazione da parte di una donna dei ferrei tabù imposti per prevenire la contaminazione.

Giappone: gli ainu

  

Le donne degli ainu erano le uniche alle quali i baffi donavano. Per far capire di essersi sposate e allontanare gli spasimanti cocciuti. si dipingevano tatuaggi neri sulle labbra. Nei villaggi isolati dell’Hokkaido, l’isola più settentrionale del Giappone, può capitare di incontrare gli ultimi discendenti degli ainu, il popolo più antico dell’arcipelago nipponico. Le donne non portano più i baffi, ma altri segni inconfondibili sono rimasti: la peluria di un viso molto scuro, i capelli ondulati, gli zigomi prominenti e la piccola statura. […]

 

Related Posts

Tags

Share This

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *