Mezzanotte e cinque

4 05 07 by

Chi conosce la tragedia di Bhopal ne resta toccato per sempre.
Il colpo che la globalizzazione ha inferto a questa città nel cuore dell’India non ha eguali nella storia dell’uomo. Si tratta del più grave disastro chimico-industriale mai avvenuto, che ha ucciso in pochi istanti decine di migliaia di persone, in un’orribile agonia, e le cui conseguenze ne continuano ad uccidere ancora oggi, a migliaia, di generazione in generazione, in una spirale di morte e dolore senza fine. Uomini, donne e bambini continuano a vivere nella cronicità di malattie mai viste prima, dai sintomi strazianti.
Nonostante questo sia un blog che si propone di passare in rassegna pezzi di storie viste da altri occhi, di presentare luoghi e popoli da una nuova prospettiva, che arricchisce e libera, questa volta si tratta di dovere. Soprattutto perchè, dopo ventitrè anni, questa storia è ancora troppo sconosciuta.

Dominique Lapierre, grande scrittore francese che ha una forte passione per l’India, si è documentato per anni insieme a Javier Moro sulla notte del 2 dicembre 1984 e tutto ciò che c’è dietro, e continua a lottare perchè il mondo apra gli occhi. I loro anni di ricerca e di studio hanno dato origine al libro Mezzanotte e cinque a Bhopal, dedicato “Agli eroi dell’Orya Basti, di Chola e di Jai Prakash Nagar”. In questo libro i due scrittori raccontano, dentro una Storia fatta di date precise, nomi e scelte importanti, le piccole storie di amore, coraggio, eroismo e pietà umana. Un libro che aiuta a capire i meccanismi che muovono le grandi aziende, ma che soprattutto imprime le immagini reali di piccole storie umane che, nonostante spesso ce ne scordiamo, fanno la Storia.

[…] Sono le undici di sera. La piazza delle Spezie è tutta un brusio di ammiratori impazienti di ascoltare i loro poeti favoriti. All’altro capo della città, i saloni e i prati dell’Arera Club pullulano di invitati, e così pure le tende sontuosamente decorate in cui si svolgono i matrimoni dei quartieri ricchi di New Bhopal e delle Shamla Hills. Sulla Spianata Nera, ghirlande di lampadine illuminano le nozze di Dilip e Padmini. Tutta Bhopal si abbandona al giubilo di quella notte benedetta dagli astri. I festeggiamenti più grandiosi si svolgono nel quartiere della Railway Colony solcata dai fuochi d’artificio. I mille invitati al matrimonio di Rinou Diwedi, la figlia minore dell’ispettore capo delle ferrovie di Bhopal, con il figlio di un mercante di Vidisha, assistono incantati alla rituale processione del Barat. In groppa a una giumenta bianca adorna di una gualdrappa di velluto ricamato d’oro, il turbante punteggiato di lustrini, il giovane Rajiv caracolla verso la fidanzata che lo attende sotto la più bella shamiana del noleggiatore Parvez. Prima che il giovane montasse sulla cavalcatura, il padre gli ha apposto sulla fronte il punto rosso e il punto nero che terranno per sempre lontano il malocchio e gli garantiranno un felice avvenire. Rajiv ha poi ricevuto una noce di cocco a strisce rosse, pegno tradizionale di buon augurio. La giumenta bianca è preceduta da una donna che avanza a piccoli passi: la madre. Indossa il doppio sari di seta e oro delle grandi occasioni. Con fervore getta per terra manciate di sale per allontanare dal cammino del figlio tutte le insidie della vita. […]

Links utili e approfondimenti:
Wikipedia, il disastro di Bhopal
Bhopal Information Centre
(il sito web dedicato a Bhopal dall’azienda incriminata, la Union Carbide)
Greenpeace per Bhopal

International campaign for justice in Bhopal
India Resource Centre
Petizione

Related Posts

Tags

Share This

5 Comments

  1. Non conoscevo i dettagli di questo disastro, soprattutto non sapevo che i responsabili erano rimasti impuniti. Senza parole.

  2. marina

    Ho letto il libro: la più fervida immaginazione non potrà mai vedereciò che è la realtà della tragedia.

  3. Ho visitato i siti che consigli…ho cercato anche dell’altro, l’onnipresente foto del volto di quel bambino appena ritrovato sotto la sabbia va dritta dentro…
    Mi stò informando meglio, ne parlerò, tutti davvero dovrebbero vedere… e sapere…dai, comunque, anche un’occhiata alla sezione del sito della Dow chemical dedicato alla tragedia, e se vuoi a tutti gli altri impegni responsabili presi(http://www.dow.com/commitments/debates/bhopal/index.htm?filepath=&fromPage=BasicSearch). E’ “istruttivo”…
    Grazie di aver ricordato tutto ciò…

  4. Anch’io conosco bene la storia di Bhopal. Mi sembra che Marco Paolini per Report ci avesse fatto sopra un monologo. Ottimo post. 🙂

    F-ChaZ

  5. @ daniele: grazie a te di esserti informato meglio, il format del blog non mi ha permesso di scrivere tutta la storia.

    @ francesco-chaz: sì, l’avevo visto una sera a Report e non ho resistito dal comprare la raccolta dei suoi “album” in cui c’è anche la storia di Bhopal. E’ eccezionale, consiglio a tutti di vederlo. (E poi per Marco Paolini ne vale sempre la pena.)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *