Su sirboneddu

3 04 07 by

Oggi vi racconto una favoletta sarda che mi è piaciuta moltissimo, con relativa traduzione in italiano. Il sardo è quello originale, di Nuoro. Dal libro “Su sardu jocande” (La lingua sarda, giocando) di Maria Teresa Pinna Catte.


In su monte Omene b’at unu sirboneddu chi si nch’abbarrat istichiu in fundu de una tuppa ‘e mudrecu e no essit affora pro nudda. Sos àtteros sirbones lu mutin, ma issu iscàmpiat sa conca e li rispondet a murru tostu: “Bazeboche, non bi benzo!”
In cuss’oru b’at unu ghinìperu mannu mannu, betzu de chent’annos, e in sas cambas s’an fattu su nidu unu muntone ‘e furfurajos. Sun sempre alligros e bolan tottu paris in chirca de muschineddos.
Unu furfuraju s’est abbizau chi su sirboneddu est galu a issare dae sa tana e li dimandat: “Nara tue, proite abbarras sempre cubau in cuss’angrone? La faches die die murrunzande… it’est su chi ti mancat?”
“Ohi, ohi, ohi!” rispondet a tìrrios su sirboneddu. “Non bies comente juco su bestire?”
“Ello coment’est? Zìrati ca ti pòmpio!”
Su sirboneddu essit afforas abbellu abbellu tottu birgonzosu e fachet: “A lu bies? Sa peddedda mea est a istrìssas birdes e rujas… imbetzes tottu sos cumpanzos meos la juchen a istrissas grogas e tanadas.”
Su puzoneddu si lu pòmpiat e a s’urtimu li narat: “Ma tue ses maccu! Non l’ischis chi sa pedde tua, chin custos colores, est meda prus bella de tottu sas àtteras?”
“Ah! Gai mi naras?” fachet su sirboneddu cuffortau.
“Ja lu credo chi est gai!” rispondet su furfuraju.

No est nudda su bestire
E no importat su colore,
ca est custu su balore:
su corazu ch’as in coro!

 

 

Eccovi la traduzione:

Sul monte Omene c’è un cinghialetto che se ne resta ficcato in fondo a un cespuglio di lentischio e non ne esce più. Gli altri cinghiali lo chiamano, ma lui affaccia la testa e risponde a muso duro: “Andatevene, non ci vengo!”
Lì vicino c’è un ginepro grande grande, vecchio di cent’anni, e nei rami hanno fatto il nido un sacco di passeri. Sono sempre allegri e volano tutti insieme in cerca di moscerini.
Un passerotto si è accorto che il cinghialetto non esce ancora dalla tana e gli domanda: “Dì, perché resti sempre nascosto in quest’angolo? La passi tutto il giorno brontolando… cos’è che ti manca?”
“Ohi, ohi, ohi!” risponde il cinghialetto. “Non vedi come ho il vestito?”
“E com’è? Girati che ti guardo!”
Il cinghialetto esce fuori piano piano tutto vergognoso e dice: “Lo vedi? La mia pelliccia è a strisce verdi e rosse… invece tutti i miei compagni ce l’hanno a strisce gialle e marroni.“
L’uccellino lo guarda e alla fine gli dice: “Ma tu sei matto! Non lo sai che la tua pelle, con questi colori, è molto più bella di tutte le altre?”
“Ah! Dici che è così?” dice il cinghialetto confortato.
“Lo credo bene che è così!” risponde il passerotto.

Non è nulla il vestire
E non importa il colore,
che è questo il valore:
il coraggio che hai nel cuore!

Related Posts

Tags

Share This

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *