Oggi nella storia

16 03 07 by

Il 16 Marzo del 2880 si registrerà il punto di minima distanza dalla Terra del corpo celeste (29075) 1950 DA, della categoria Apollo. E’ praticamente certo che questo asteroide colpirà il nostro pianeta proprio dopo aver raggiunto, oggi tra 873 anni, il punto di non ritorno. 1950 DA è stato scoperto per la prima volta il 23 febbraio del 1950 da un astronomo statunitense di nome Carl Alvar Wirtanen; in seguito, fu perso di vista per moltissimo tempo e ad oggi è l’asteroide con più possibilità in assoluto di scontrarsi con la Terra.
Le dimensioni di questo attesissimo oggetto, leggo su Wikipedia, sono così enormi che la collisione con la Terra rilascerà un’energia tale da causare danni al clima ed alla biosfera totalmente devastanti per la civiltà umana. La sua orbita viaggia ad una velocità media di circa 21 chilometri al secondo. Non ce l’ha un nome, questo incombente corpo, gli è stato dato un numero, 29075. In futuro, l’IAU, International Astronomical Union, gli darà un nome. Ce n’è di tempo, avranno pensato.

Non so cosa starà succedendo quel 16 Marzo 2880, ma se tutto finirà quel giorno, l’asteroide metterà fine a tante orribili questioni ma anche a tante meravigliose storie…

Related Posts

Tags

Share This

7 Comments

  1. …Ma come sei catastrofica!! 😉
    Il mondo finirà molto prima del 2800, se non smettiamo di infierire su di lui… A forza d’inquinare, i nostri figli respireranno idrocarburi…

    Who killed the electric car?

    …Vedo che stai diventando, giustamente , una paladina del politically correct 😉

  2. A buon intenditor poche parole 😉

  3. io sarò già polvere nel 2880… mamma mia che malinconia!!!

  4. @ alex: l’hai visto il film? Io ne ho parlato in un post mesi fa…

    Comunque io guarderei più vicino.
    Appuntamento con Apophis nel 2036.

    http://it.wikipedia.org/wiki/99942_Apophis

    Boa noite

    F

  5. Aggiungo un paio di cose.
    Noi sulla terra crediamo ancora di essere al centro dell’universo.
    Invece c’è una buona probabilità che non siamo gli unici esseri intelligenti ad abitarlo.

    Di fronte alla vastità dell’Universo, mi chiedo che senso abbiano tutte le nostre questioni misere, di guerra e potere.
    La nostra storia parte dalle prime testimonianze di vita umana cioè circa 17000 anni fa, a farla grande.

    Sono come dire “istanti” in rapporto solo a un milione di anni o di una semplice era geologica.

    Siamo di passaggio. Come i triceratopi o gli archaeopterix.

    Che poi siamo noi a spazzarci via o arrivi un sassolino di 390 metri di diametro (la terra ha diametro di oltre 12000 Km, ndF) la natura farà il suo corso comunque.

    Ma certo che non stiamo facendo il meglio per fare rimanere abitabile questo pianeta. Da tenersi ben stretto, marte è lontano. E per adesso rimane di celluloide.

    Boa Noite^2

    F

  6. @francesco – chaz

    Documentario sulle Meteoriti

    Ti riferisci alle macchine elettriche? si.. molto interessante!
    Per quanto riguarda le catastrofi dallo spazio, ecco un documentario in francese (c’è pure la seconda parte) …forse lo trovate pure in inglese. Lo inserisco qui visto che siamo a casa di Kindlerya , sperando interessi pure a lei, avendo letto il suo interessante articolo in proposito.. 😉

  7. A casa mia qualsiasi cosa è interessante 🙂
    Soprattutto se gli scambi di idee sono così significativi! 😉

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *