Buon San Valentino!

14 02 07 by

Cuori, cuoricini, rose, cioccolatini…

Ma quanti di noi conoscono davvero la storia di San Valentino? Tra il 176 e il 273 circa, visse un uomo di nome Valentino da Interamna Nahartium, oggi Terni (Umbria). Egli fu fatto vescovo nel 197, e nel 270 andò a Roma per predicare il Vangelo. Per convertire i pagani, insomma, gli incivili, i gretti.

Per questo fu arrestato due volte (prima dall’imperatore Claudio il Gotico e poi da Aurealiano): l’impero perseguitava i cristiani. Vigeva infatti il paganesimo, ed i romani non potevano sopportare la popolarità di questo vescovo cristiano che veniva a debellare loro una religione millenaria. Così i soldati romani lo portarono fuori città, durante il secondo arresto, e lo decapitarono.

Ma l’episodio emblema della sua vocazione da patrono degli innamorati ce lo narra un racconto popolare. Egli ebbe un animo talmente nobile da unire in matrimonio una giovane cristiana di nome Serapia ed un centurione romano di nome Sabino. Una cosa impossibile, quindi, soprattutto per i genitori di lei, molto contrari.

Ma Valentino fece vincere l’amore. Egli ebbe un animo talmente nobile che prima di sposarli battezzò il giovane soldato…

La festa di San Valentino venne istituita un paio di secoli dopo la sua morte, nel 496, quando Papa Gelasio I decise di contrapporre il messaggio d’amore del vescovo di Terni alla festività pagana della fertilità (i lupercalia dedicati al dio Luperco).

Ancora convinti che il messaggio d’amore non fosse il solito fanatismo dei missionari cristiani? Se state pensando a quelli che cancellarono per sempre gli indiani d’America, a quelli che perseguitarono genti per millenni, a quelli che si insediano ancora oggi nei remoti paradisi dell’Africa facendo scomparire riti e tradizioni peculiari, a quelli che hanno ridotto un mondo “bello perchè vario”, un mondo variegato e a colori, nel bianco e nero del cristianesimo VS islamismo…

Beh, se state pensando questo… allora non festeggiate troppo.

Related Posts

Tags

Share This

1 Comment

  1. ottimo post…ci si dovrebbe riflettere molto sulla paganità spacciata per sacra delle nostre feste cattolico-cristiane…ma ormai credo che sia veramente palese che la Chiesa come istituzione affonda le proprie radici non nell’amore e nella carità ma in un lussurioso gioco di potere che si trascina avanti da millenni…io credo in Dio e sono sicuro che lui non crede in questa Chiesa…purtroppo lo spirito originale ed originario è durato fin troppo poco, sì è sempre cercato di essere superiori e venerati. Se in un epoca feudale e comunque fatta di re, eserciti e guerre a colpi di spada la Chiesa mi sembrava più un corpo politico che religioso oggi mi sembra ancora più spudorata. Mi spiego meglio: sono finite le lotte per il potere temporale (e già questo…), ma sono iniziate quelle per il potere spirituale…ci furono le crociate certo, ma anche lì la politica ebbe il sopravvento…le vere crociate ci sono oggi. Poi che siano contro l’islam, i dico o quant’altro poco importa…mi sa che la scomunica non me la toglie nessuno 🙂
    Scusa ancora la lunghezza, ma questi post stimolano le mie riflessioni!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *